Crea sito

Immaginario

Il paese civile e “‘a carogna”

Il paese civile e “‘a carogna”

I news media hanno trovato un nuovo “nemico pubblico”. L’informazione e il “popolo della rete” hanno identificato un nuovo eroe negativo da rappresentare e sbeffeggiare. Naturalmente è un tifoso, ultras, è del sud, anzi è napoletano, non poteva che essere figlio di camorrista (e quindi per discendenza tale). Non poteva…

Affetti da disabilità

Affetti da disabilità

Lo spot sulle elezioni europee 2014 realizzato dal gruppo Mediaset mi informa che esistono “elettori affetti da disabilità“, proprio mentre leggo un saggio che spiega così l’esclusione sociale ed economica delle persone con disabilità: la disabilità si è prodotta secondo una configurazione peculiare: come problema individuale che richiede un trattamento…

Con la comunicazione (violenta) saprete da che parte stare

Con la comunicazione (violenta) saprete da che parte stare

La comunicazione, a quanto pare, può essere violenta e nonviolenta. Sì, persino la comunicazione può essere nonviolenta. Può anche essere chiarita o declinata come comunicazione dialogica, ascolto attivo, gestione dei conflitti, educazione compassionevole, eccetera, eccetera. Un tratto ricorrente di questo modo di comunicare è che riguarda le persone, funziona in…

Un disabile è per sempre

Un disabile è per sempre

Un omicidio in famiglia colpisce sempre. Viene narrato in modo sempre simile, con simile sbigottimento, incredulità, allarme. Quasi ogni giorno, quasi su ogni telegiornale. Ogni volta, sia che lo si interpreti come inspiegabile “raptus folle” sia come femminicidio, occorre trovare velocemente una spiegazione, una qualche ragione. Almeno un indizio. Ogni…

La “Scienza da vedere” è sempre la stessa?

La “Scienza da vedere” è sempre la stessa?

“Scienza da vedere”. Qualche prima osservazione sulle foto premiate. Un dato lampante: mancano le persone. Nell’immaginario della scienza proposto da queste fotografie non appaiono grosse novità, si conferma un panorama già noto. L’interazione con il/la paziente è in secondo piano. Lo stesso per il dibattito scientifico, quello tra colleghi, quello…