Crea sito

Io (non) vi voto!

Io (non) vi voto!

Io (non) vi voto!

Ho pubblicato, insieme a Marco Bruno, un saggio dal titolo Io (non) vi voto! La società civile va alle elezioni nel volume Talk&Tweet. La campagna elettorale 2013 
tra Tv e Twitter curato da Marzia Antenore, Mario Morcellini e Christian Ruggiero (Maggioli Editore, Santarcangelo di Romagna (RN), 2013, pp. 289-316, ISBN 9788891601018).
Il saggio è la prima presentazione dei risultati di una ricerca sulle iniziative pubbliche realizzate da organizzazioni di terzo settore o della società civile durante la campagna elettorale per le Politiche 2013.

Abstract

Le Politiche 2013 sono state caratterizzate da un significativo accento sulla dimensione della società civile e del “civismo”; basti pensare che ben due coalizioni (ridimensionate, però, alla prova delle urne) inserivano queste parole chiave nella loro denominazione. Più in generale, in tempi di crisi della politica, il richiamo alla sfera della partecipazione e della cittadinanza attiva si è fatto più forte, tuttavia assumendo spesso la valenza più di un espediente retorico che di un autentico cambiamento.

La società civile, quindi, “va” alle elezioni. Ma non sempre per candidarsi.

A volte anche per far eleggere le proprie idee. In che modo lo fa? È efficace? È realmente una novità e, se sì, è positiva? Il tempo delle elezioni, infatti, non è fatto solo di comunicazione e campagna elettorale, liste e partiti. Da qualche anno è anche il tempo per la società civile organizzata, i soggetti del non profit e i movimenti sociali per reclamare attenzione e spazio per temi e argomenti, per chiedere impegni, per fornire occasioni di esprimere proposte o bisogni alla cittadinanza, talvolta semplicemente per incrementare la visibilità intorno alle proprie campagne.

L’analisi, in corso, si concentra su oltre una trentina di iniziative e campagne; si segnalano, a solo scopo esplicativo: Io non vi voto. Sfida alla politica fossile” (Greenpeace Italia); Italia sveglia! Promemoria per la prossima legislatura” (Action Aid), “Le primarie della cultura (Fondo Ambiente Italiano), “Dibattito Scienza, “Una Carta d’Intenti per l’Innovazione dell’Italia” (Stati Generali dell’Innovazione), “Per un’economia socialeIdee e persone per un’Italia sostenibile”; “Riparte il futuro. Senza corruzione” (Libera – Contro le mafie e Gruppo Abele); “Ricordati che devi rispondere” (Amnesty International); “Se crescono le donne cresce il paese” (Se non ora quando?); “10 azioni. Manifesto” (WWWorkers); “Voteresti per me se fossi sieropositivo?” (LILA).

Le dimensioni analizzate riguardano le caratteristiche dell’intervento (campagna, “agenda”, raccolta di proposte o “primarie”), i contenuti e i temi proposti ai candidati e alle coalizioni, le azioni proposte a chi vuole sostenere l’iniziativa (call to action), i materiali e le pratiche comunicative (video, manifesti, banner, etc.), e in particolare le caratteristiche della presenza sul web e sui social media, l’identità visiva, le iniziative sul territorio, la documentazione (dati, approfondimenti, link, etc.), i feedback e l’efficacia.

Si tratta di esperienze non necessariamente limitate alla sola attività di lobbying o all’esercizio di una legittima “pressione” nei confronti dei rappresentanti o aspiranti tali: l’analisi di queste iniziative mostra come, oltre a essere spesso innovative dal punto di vista comunicativo, esse inaugurino nella sfera pubblica italiana un nuovo rapporto tra classe dirigente e gruppi di pressione, tra scelta elettorale e il possibile protagonismo e partecipazione della cittadinanza.

Sommario

2.1 Prologo: è il tempo della società civile?………………………… 289

2.2 Politica e società civile nell’Italia del 2013. Alcune note di contesto 290

2.2.1 La politica italiana e le “scelte civiche”
2.2.2 Quale società civile?
2.2.3 Scambio, dialogo e disintermediazione

2.3 Iniziative e campagne per una politica “altra”. Le azioni analizzate 298

2.3.1 Gli ambiti di interesse e le azioni

2.4 Il terzo settore va alle elezioni…………………………………… 302

2.4.1 L’azione: partire dalla capacità di voce
2.4.2 I temi: la necessità di “parlare semplice”
2.4.3 Stile e strategie: verso una comunicazione coerente e di qualità

Link

La scheda del volume sul sito dell’editore.
Indice e introduzione al volume (pdf su Academia.edu).

Altro